Chroogomphus rutilus (Schff.: Fr.) O.K. Miller
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiomiceti
Nome scientifico: Chroogomphus rutilus (Schff.: Fr.) O.K. Miller
Sinonimi: Gomphidius viscidus (Linn.) Fr. - Agaricus viscidus Linn. - Agaricus rutilus Schff. - Agaricus lubricus Scop. ?

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 3-8cm di diametro, prima conico poi spianato e umbonato, carnoso, liscio, viscoso; di color mattone o bruno, da giovane il margine è unito alle lamelle da un velo filamentoso.
Lamelle: larghe, decorrenti,da rosso-bruno a nerastre.
Gambo: 4-8 x 0,9-1,5 cm, pieno e sodo, più sottile alla base, concolore al cappello,fibrilloso.
Carne: giallastra, giallopiù carico alla base del gambo, soda, priva di odore e sapore particolari
Spore: bruno scure, lisce e allungate, fusiformi.

Chroogomphus rutilus Chroogomphus rutilus (foto Mariangela Napoli e Mario Dollo www.dipbot.unict.it/funghi_etna)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo saprofita.
Si trova nei boschi di conifere, da fine estate a tardo autunno.
Commestibile.

Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy