Cheimonophyllum candidissimum (Berk. & M.A. Curtis) Singer
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Cheimonophyllum candidissimum (Berk. & M.A. Curtis) Singer
Sinonimi: Agaricus candidissimus, Geopetalum candidissimum, Nothopanus candidissimus, Pleurotellus candidissimus, Pleurotus candidissimus

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 0,5-2 cm, prima quasi sferico, poi epanso, annesso lateralmente al substrato, zona discale leggermente gibbosa o con ampio umbone. Margine liscio e involuto. Cuticola asciutta non igrofana; bianco-candido o bianco-avorio.
Lamelle:  larghe e frammiste a lamellule, piuttosto basse con filo eroso, spesso decorrenti allo stipite (se ques'ultimo è presente) molto consistenti al tatto. Colore bianco-candido uniforme; da maturo sono spesso visibili delle sfumature giallastre.
Gambo: solitamente assente o molto poco accennato, laterale, anch’esso biancastro.
Carne: biancastra, decisamente consistente, odore poco accennato, sapore mite.
Spore: biancastre in massa.

Cheimonophyllum candidissimum Cheimonophyllum candidissimum (foto Yves Deneyer http://www.photomyco.net)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo saprofita.
Cresce in colonie ai limiti del bosco su legno in decomposizione, in autunno.
Non commestibile.

Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy