Ornitorinco - Ornithorhynchus anatinus - Shaw, 1792
Atlante della Fauna - Mammiferi

Classificazione sistematica e diffusione

Regno: Animalia
Phylum: Chordata
Classe: Mammalia
Ordine: Monotremata
Famiglia: Ornithorhynchidae
Genere: Ornithorhynchus
Specie: O. anatinus - Shaw, 1792

L'ornitorinco (Ornithorhynchus anatinus) è un piccolo mammifero semi-acquatico che vive nella parte orientale dell'Australia e nella Tasmania. È una delle cinque specie ancora esistenti che fanno parte dell'ordine dei monotremi, gli unici mammiferi che depongono uova invece di dare alla luce dei piccoli (le altre quattro sono echidna).

Caratteri distintivi

Peso medio:
- Maschio: 1,7 kg
- Femmina: 0,9 kg

Lunghezza (compresa la coda):
- Maschio: 55 cm
- Femmina: 44 cm

La temperatura del corpo è minore di quella degli altri mammiferi (circa 32°C, invece dei 38°C tipici dei mammiferi placentati).
Presenta uno spesso mantello di peli che ricopre tutto il corpo (coda compresa) tranne il becco e le zampe. Il colore è marrone sul dorso e giallastro sul ventre. Ha piedi palmati e un largo muso, duro come la gomma. I cuccioli hanno molari a tre cuspidi, caratteristici dei mammiferi, mentre gli adulti sono privi di denti.
I maschi presentano, sui talloni delle zampe posteriori, speroni pungenti che possono usare per attaccare con il veleno qualsiasi nemico.

Ornitorinco Ornitorinco - Ornithorhynchus anatinus (foto http://bloggar.capdesign.idg.se)

Ornitorinco Ornitorinco - Ornithorhynchus anatinus

Biologia

Gli ornitorinchi cacciano sott’acqua dove passano molto tempo muovendosi con gli arti anteriori palmati e dirigendosi con quelli posteriori e la coda che usano come timone.
Si nutre in acqua perlustrando il fondo dei fiumi. Con il becco aspira insetti e larve, crostacei e vermi insieme a sassolini di ghiaia e fango. Tutto questo materiale viene immagazzinato nelle tasche guanciali e in superficie macinato. Gli ornitorinchi non hanno denti, quindi i sassolini di ghiaia li aiutano a "masticare" il pasto. Sulla terra, l'ornitorinco si sposta in modo un po' più goffo.
Quando non è in acqua si ritira in una corta tana, quasi sempre nell'argine non molto sopra il livello dell'acqua, e spesso nascosta sotto un groviglio di radici. Per la riproduzione la femmina scava tane molto più grandi e elaborate lunghe fino a 20 metri. Essa fa il nido alla fine del tunnel con canne come lettiera. La femmina depone una o due uova che mantiene al caldo tenendole tra il corpo e la coda. Le uova si schiudono dopo circa 10 giorni e i cuccioli, privi di pelo, si aggrappano alla madre. Come altri mammiferi, la madre produce il latte per i piccoli. L'ornitorinco non ha capezzoli ma secerne il latte da pori nella pelle. L'allattamento dura circa tre o quattro mesi, fino a quando i piccoli non cominciano a nuotare da soli.
Durante il periodo della riproduzione il maschio diventa più aggressivo rilasciando del veleno tramite l’uso dello sperone corneo situato nelle zampe posteriori, con questo veleno può uccidere cani ed altri ornitorinchi.

Famiglia Bovidae
Famiglia Equidae
Famiglia Felidae
Famiglia Elephantidae
Famiglia Giraffidae
Famiglia Hippopotamidae
Famiglia Lemuridae
Famiglia Macropodidae
Famiglia Ornithorhynchidae
Famiglia Rhinocerontidae
Famiglia Tachyglossidae
Famiglia Tapiridae
Famiglia Ursidae
ORDINE Cetacea
Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy