Ordini - Zoratteri
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

L'ordine degli Zoratteri fu scoperto da Filippo Silvestri nel 1913 e comprende una sola famiglia, Zorotypidae, con un unico genere, Zorotypus, con 17 specie.
Sono insetti alati, di piccole dimensioni (circa 2 mm).
In entrambi i sessi si possono avere due forme diverse:

  1. alata, ben pigmentata, con occhi composti e ocelli, cranio grande, sub prognato.
  2. attera, poco pigmentata, priva di occhi composti e ocelli.

Antenne moniliformi con 9 articoli. Apparato boccale masticatore con mandibole robuste e distalmente ed adoralmente denticolate; la galea termina con un ciuffo di setole, la lacinia è bidentata, il palpo 5 articolato. Corpo allungato e depresso, collo con scleriti cervicali; protorace grande, zampe posteriori con femore ingrossato, tarsi 2 articolati, pretarsi con 2 unghie. Addome sessile di 10 uriti subomonomi; cerci voluminosi, uniarticolati e con tricobotri.
Insetti paurometabolici o pseudoametabolici, ovipari, anfigonci. La neanide fuoriesce dall'uovo incidendo il corion con un rompiguscio cefalico della cuticola embrionale, che viene rigettata dopo lo sgusciamento.
Questi insetti si ritrovano prevalentemente in Asia meridionale, Africa occidentale, nella parte settentrionale dell’America meridionale e in Oceania.

Zorotypus

Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy